Senza categoria

Lebkuchen, zimtsterne e zelten tirolese..le ricette originali!

Appuntamento speciale con la rubrica regionale! Certo, non è il 20 del mese oggi ma….l’argomento merita!!!Natale in……Trentino-Alto Adige! Il tema è questo..Natale è sempre un momento magico per la cucina e non solo:) Un momento in cui le tradizioni e i profumi tornano a riempire le nostre case. Ed è un momento che non vorrei mai perdermi! In casa mia è un miscuglio pazzo di tradizioni tutte affascinanti!Tutte da perpetuare. Non ho (ancora) bambini ma mi piacerebbe riuscire a trasmettere l’importanza di ritrovarsi alla fine nelle piccole cose…nei gesti semplici come…preparare dei dolci come questi! Come sapete ho sempre omaggiato il Trentino ma questa volta con piacere vi posto la ricetta di 2 biscotti e un dolce che ritroviamo in tutti i mercatini di Natale presenti nella regione ma in special modo in quelli altoatesini. 
Ho già presentato la ricetta dello zelten trentino lo scorso anno. Questa è la versione tirolese che ritroviamo nei mercatini di Bolzano e di tutto l’Alto Adige:

Ingredienti:
• Fichi secchi, 500 g
• Uva sultanina, 500 g
• Frutta candita, 500 g
• Noci, 100 g
• Mandorle pelate, 100 g
• Mandorle per guarnire
• Pinoli, 50 g
• Grappa o Rum, 1/2 l
• Miele, 150 g
• 1 Limone
• Cannella in polvere
• Chiodi di garofano in polvere
• Farina di segale
• Burro
 Iniziamo la lavorazione due giorni prima. 
Tagliate i
fichi a pezzetti, la frutta candita a dadini e tritate grossolanamente
le noci e 100 g di mandorle. Mettete il tutto in un recipiente di
terracotta, unite l’uvetta e i pinoli, versare la grappa o il rum e fate
fermentare per 18 ore al chiuso. Alla fine mescolate con cura e unite
la cannella, i chiodi di garofano e la buccia grattugiata di mezzo
limone. Impastate e legate gli ingredienti con 100 g di miele e con una
quantità di farina di segale corrispondente al 5% del peso del
composto. Aggiungete un po’ d’acqua per ammorbidire l’impasto, dategli
quindi la forma di un pane ovale e guarnite con qualche mandorla.
Imburrate e infarinate una teglia e disponetevi il dolce. Cuocete
per un’ora in forno a 180° e infine fate raffreddare prima di servire.  Ho seguito questa ricetta. 

La  prossima ricetta che ho scelto sono dei deliziosi biscotti molto speziati e morbidi di orgine, neanche a dirlo, tedesca. I lebkuchen!!
Eccovi la ricetta:

Ingredienti per circa 40 biscotti

300 g di miele
100 g di burro
50 g di zucchero
1 uovo intero
240 g di farina 00
240 g di farina di segale
1 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
2 cucchiaini di cannella in polvere
1 cucchiaino di noce moscata in polvere
1 cucchiaino di zenzero in polvere
2 cucchiaini di cacao amaro in polvere
1 cucchiaino di cardamomo in polvere
1 cucchiaino di coriandolo in polvere
La scorza grattugiata di 1 limone
La scorza grattugiata di ½ arancio
50 g di mandorlepelate
40 ml di latte
1 cucchiaino di bicarbonato
Ostie tonde chiamate oblaten in tedesco
Per la copertura: 150 g di cioccolato fondente, ciligie candite, mandorle pelate oppure solo glassa bianca di zucchero ottenuta con zuccherom a velo vanigliato e acqua fino ad ottenere una glassa semiliquida.

Mettere a bagnomaria il burro nel miele e fare poi intiepidire il
composto. Sbattere l’uovo con lo zucchero, cui vanno aggiunti il cacao,
le spezie e la scorza grattugiata del limone e del mezzo arancio. Una
volta intiepiditi, il miele e il burro vanno mescolati assieme alle uova
e al resto degli ingredienti.
In una ciotola amalgamare i due tipi di farina, quindi frullare
grossolanamente le mandorle spellate in un mixer e aggiungere
all’impasto. In questo far cadere il mix di farine setacciato poco alla
volta.
Far sciogliere il bicarbonato nel latte e versarlo nella ciotola, amalgamandolo bene all’impasto perché farà da lievito.
La ricetta tradizionale vuole che l’impasto venga messo
a riposo per una notte a temperatura ambiente, coperto da un foglio di
pellicola.  Passata la notte, prelevare circa 40 g di pasta
e lavorarla con le mani per ammorbidirla. Formare una pallina e
schiacciarla su ciascuna oblaten su un foglio di carta da forno, creando un disco di circa
mezzo centimetro di spessore. Andar avanti con lo stesso procedimento
fin ad esaurire l’impasto; mettere i biscotti su una teglia rivestita di
carta da forno distanti gli uni dagli altri.
Cuocere nel forno già caldo a 180° in forno statico per 10-12 minuti (non di più!), quindi sfornarli e farli raffreddare.
Infine decorarli con il cioccolato fuso a bagnomaria, mandorle pelate e ciliegie candite oppure glassa bianca!

ed infine vi presento le ZIMSTERNE! Stelline di cannella! Delle deliziose stelline glassate dalla consistenza di una meringhetta ma con l’aggiunta di frutta secca…una vera delizia!!!

ZITMSTERNE
3 albumi
250 g di zucchero a velo
1 bustina di vanillina (io stecca di vaniglia)
1 cucchiaino di cannella
1/2 cucchiaino di zenzero in polvere
circa 400 g tra mandorle e nocciole tritate

PER LA GLASSA REALE
1 albume
200 g di zucchero a velo
1 cucchiaino di succo di limone.

In una ciotola ponete gli albumi (a temperatura ambiente)e montateli con e fruste elettriche, aggiungete mano a mano lo zucchero a velo.  Dovete ottenere un impasto ben montato. Unite poi vaniglia, cannella e zenzero. Passate ora ad aggiungere a mano questa volta, la frutta secca. Formate con questo impasto un cilindro lavorando su una spianatoia infarinata di zucchero a velo. E ponete in frigo a riposare avvolto con pellicola. Una volta trascorso il tempo, stendete l’impasto e formate delle stelline con tagliabiscotti. Cuocere per 20 min a 140° in forno già caldo.

Preparate ora la glassa:
Montare
l’albume, unire il succo di limone e lo zucchero setacciato e
continuare a montare fino a quando la glassa non diventa lucida;
aggiungere zucchero se la glassa risulta troppo liquida o alcune gocce
di limone se invece sembra troppo consistente.

Decorate ciascuna stellina e…BUONI PREPARATIVI PER NATALE!!!!!!

 
 E adesso venite con me a scoprire le ricette delle altre regioni italiane!!!


Valle D’Aosta – Mont Blanc – http://cinziaaifornelli.blogspot.it
Piemonte – Lasagne alessandrine della Vigilia – http://lacasadi-artu.blogspot.it/
Lombardia – Pucia Dulsa – http://ledeliziedellamiacucina.blogspot.it/
Veneto – Crema al mascarpone con grappa cuor di prosecco – http://ely-tenerezze.blogspot.it/
Friuli Venezia Giulia – Mostazzòns –  http://nuvoledifarina.blogspot.it
Emilia Romagna – La spongata –  http://zibaldoneculinario.blogspot.it/
Liguria – baccalà boggìo a-o verde http://arbanelladibasilico.blogspot.it/
Toscana – Panpepato di Sienahttp://www.nonsolopiccante.it/
Umbria –  Tozzetti canditi http://amichecucina.blogspot.it
Marche – Tagliatelle con lo stoccafisso http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.it
Abruzzo -Ferratelle abruzzesi http://blog.giallozafferano.it/incucinadaeva/
Molise –Tozzetti della mia mamma-  http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.it/
Lazio – Panpepato – http://elly-chezentity.blogspot.it
Campania – Roccocò moridi – http://www.isaporidelmediterraneo.it/
Puglia – Bocconotti di pasta reale –  http://breakfastdadonaflor.blogspot.it
Basilicata – Pettolehttp://blog.giallozafferano.it/sognandoincucina
Calabria –Turdiddri o turdilli calabresi  http://blog.giallozafferano.it/iocucinocosi
Sicilia – Torrone Siciliano alle mandorle http://blog.giallozafferano.it/cucinachetipassaoriginal/
Sardegna – Torrone sardo di Tonara http://blog.giallozafferano.it/vickyart

E vi ricordo che l’appuntamento è come sempre il 20 del mese, con un nuovo argomento tutto speciale….

 
 
 

28 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *