Senza categoria

Strudel di mele e cranberries!

Un dolce domenicale perfetto perchè non eccessivamente pesante con una piccola variante…i cranberries (ovvero i mirtilli rossi essiccati) al posto dell’uvetta (che non mi fa impazzire), in aggiunta ho anche steso un velo di marmellata prima di mettere le mele..insomma una mia libera interpretazione sul tema 🙂

INGREDIENTI X DUE PICCOLI STRUDEL

250 G DI FARINA 00
DUE CUCCHIAI DI OLIO
UN PIZZICO DI SALE
1 BICCHIERE DI ACQUA APPENA INTIEPIDITA
1 UOVO

RIPIENO

DUE MELE (o una grande come nel mio caso, era veramente grande!!!!)
UNA MANCIATA DI CRANBERRIES (o uvetta se volete la versione classica)
UNA MANCIATA DI PINOLI (io non li ho messi perchè i miei ospiti non li gradivano)
4 CUCCHIAI DI MARMELLATA A VOSTRA SCELTA (io l’avevo di pere biologiche fatta in casa)
2 CUCCHIAI ABBONDANTI DI ZUCCHERO DI CANNA
UNA CUCCHIAIATA DI PANGRATTATO
SUCCO E SCORZA DI UN LIMONE
CANNELLA
BURRO FUSO

Cominciate preparando la pasta strudel cosi: Lavorate su una spianatoia tutti gli ingredienti formando un impasto elastico a cui darete la forma di una palla. Copritela con una ciotola di vetro che avrete riscaldato bagnandola con dell’acqua bollente. Fate riposare mezz’ora.  A parte sbucciate le mele e tagliatele a fettina, spremete sopra il succo del limone per non farle annerire e se volete grattugiate anche la scorza per profumarle. Trascorsa la mezz’ora dividete l’impasto in 2 filoncini e  stendete ciascuna pasta in un velo sottilissimo in senso verticale aiutandovi con abbondante farina. ponete sopra un velo della vostra marmellata prescelta, le fettine di mela(scolate dal limone), i cranberries, i pinoli se li gradite, spolverizzate con lo zucchero di canna, la cannella ed il pangrattato. Chiudete arrotolando su se stessa la pasta. Ponete ciascuno strudel su una teglia rivestita di carta da forno, spennellandoli con del burro fuso prima di infornare a 180° per circa un’ora in forno statico già caldo. Appena sfornati gli strudel irrorateli con altro burro fuso per evitare che la crosta indurisca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *