Senza categoria

Zeppole di San Giuseppe al caffè

zeppole san iuseppe
Zeppole di San Giuseppe al caffè

Non potevano mancare le zeppole di San Giuseppe poichè domani…è la festa del papà!! (auguri al mio <3), ma ho scelto di presentarvi questa ricetta che è una variante al caffè!Si sa che i signori uomini gradiscono molto dolci contenenti caffè e/o liquori al caffè! Con questa ricetta credo si accontenti sia i papà che….i figli:-)
Vi lascio alla ricetta e…..Tanti auguri a tutti i papà che tutti i giorni lavorano e lottano per donare un futuro migliore ai propri figli….
Che il sole sia dentro e fuori di voi….

PER LA PASTA CHOUX (bignè)
140  di farina
4 uova
100 ml di latte (io di soja)
100 ml d’acqua 
1 pizzico di sale
100 g di burro





Mettere a bollire l’acqua con il burro e il pizzico di sale. Quando il burro è scioto, unite la farina in un sol colpo e mescolate energicamente fino a quando non si forma una palla che si stacca dalle pareti. Fate raffreddare l’impasto ed unite le uova una alla volta (attenzione ad unire l’uovo quando l’altro si è ben incorporato). Potete usare nche un frullatore elettrico. 
Una volta che è ben amalgamato l’impasto inseritelo in un sac à poche e formate delle ciambelle della grandezza che desiderate (io piccoline e preferisco:-)) Fate cuocere in forno preriscaldato a 150° per circa mezz’ora.

Intanto preparate la crema al caffè:
500 ml di latte intero

2 uova intere
1 cucchiaino pieno di cacao amaro in polvere
150 gr di zucchero
30 gr di farina 00 
1 pizzico di sale
Caffe solubile (2 cucchiaini)
1 cucchiaio di liquore a caffè (a piacere)
Fate scaldare il latte con il caffè ed il liquore. A parte montate le uova con lo zucchero ed unite la farina setacciata con il sale.  Unite i due composti con una frusta per evitare grumi e mescolate bene. Rimettete la pentola sul fuoco e rimestate fino ad addensamento. 
A questo punto decorate ogni singola zeppola con la crema al caffè usando un sac à poche e terminate con un chicco di caffè su ogni zeppola ^_^  Auguri papà <3

19 commenti

Rispondi a Luisa Piva Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *