Senza categoria

Una tagliata..dolcemente infuocata!

….Non era preventivato però….quando l’altra sera sono venuti a cena miei carissimi amici amanti della carne, ho pensato a questa infuocata ricetta!

Un pezzo di carne di manzo alta circa 4 cm da circa 800 g per tagliata, 2
bicchieri vino rosso corposo, un cucchiaio di grani senape, mezzo cucchiaio
di bacche ginepro, 2 foglie alloro, uno spicchio d’aglio, mezza cipolla, 2
cucchiai di olio evo, sale qb, qualche grano pepe verde, un pizzico di timo, mezza
stecca di cannella, un cucchiaino di coriandolo(facoltativo).

Per la frittura:
una melanzana, un peperone, una zucchina, una carota, un peroncino
piccante, olio, miele allo zenzero (meglio se fresco) e peperoncino, olio per friggere.
Marinare
la carne nel vino e le spezie e lasciarla in frigo per una notte. Il
giorno dopo tagliare le verdure a julienne e friggerle in olio profondo
ben caldo, cuocere la carne (ben scolata dalla marinatura) alla brace (o
sulla bistecchiera) a fiamma dolce per circa mezz’ora (a seconda dei
gusti) girando ambo i lati. Appena pronta, tagliare la carne a fette
abbastanza spesse, disporle nel piatto da portata, adagiarvi le verdurine
fritte, irrorare di miele piccante (basta aggiungere al del miele (meglio se di castagno), dello zenzero e del peperoncino, diverrà piccantissimo!!), ridurre sul fuoco in un padellino la marinatura filtrata per accompagnare
eventualmente la carne. Se vi piace servitela con del balsamico…..

I miei amici sono per le carni e ..per il piccante! Hanno gradito direi..;-) E dato che è venuta un po’ così..spontaneamente, lascio anche questa ricetta ai miei amici di Non Solo Piccante!!!Cosi dopo un piatto di mare ne hanno anche uno di terra!

P.S La particolarità di questa ricetta è data dal contrasto dolce del miele e del piccante del peperoncino e dello zenzero fresco, le verdurine fritte a julienne poi danno il tocco “goloso” e ben si sposano con la tagliata che, a mio avviso, va mangiata leggermente al sangue.

BUONJA DOMENICA A TUTTI!!!!!

41 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *